#recensione Il rettangolo Azzurro di Remo Capone

TRAMA

Siamo di fronte a un viaggio nella memoria. L’adulto “ritorna“ al sé bambino nella Roma degli anni immediatamente precedenti l’ultimo conflitto mondiale (1938–1940), re-immergendosi nell’universo magico e incantato di questo suo alter ego nel tempo.
Il racconto nel seguire il bambino nei diversi  momenti del suo percorso iniziatico alla scoperta del mondo e dell’ “Altro”, mette  in  luce e descrive il processo di progressivo distacco, che in lui si opera, da quella indistinguibilità – quella vera e propria consustanzialità tra interno ed esterno – che aveva caratterizzato tutta la sua primissima infanzia nel “grande utero allargato“ della casa patriarcale, da lui percepita come un indistinto da sé.
Nel contempo  tutta la narrazione si sviluppa  sul  variegato sfondo di una “Roma sparita“, dipingendo come in  un affresco d’epoca una città fatta di quartieri come paesi, fitti di mille piccoli commerci ambulanti, di mille piccole e grandi botteghe; intessuti di una rete di rapporti umani semplici e, pur se a volte debordanti, sempre spontanei. E, per converso, di un Centro città elegante ed esclusivo, meta privilegiata degli inseguitori – e inseguitrici (tra cui la madre del bambino) – di sogni e di illusioni.
Su tutto questo scenario incombe come una scura nube temporalesca, il prossimo apocalittico scatenarsi del Conflitto, che diverrà nell’ultimo capitolo il protagonista sempre più invadente e minaccioso della narrazione.

 

Il rettangolo azzurro è l’ultimo romanzo appena pubblicato dello scrittore Romano Remo Capone, edito da Elison Publishing.
Mi ha fatto davvero molto piacere ed è un vero onore poter leggere questo romanzo in anteprima e scrivere una recensione a pochi giorni dalla pubblicazione.
Per prima cosa posso dire che amo da sempre le ambientazioni italiane, e poter leggere di una bellissima Roma che l’autore conosce bene, che fa da sfondo ad un racconto che va tra lo storico e l’avventura è una fantastica sorpresa che fa già guadagnare punti al libro!
Lo si legge molto bene questo romanzo, sembra quasi una lunga poesia e quando si entra nella storia, non si riesce ad uscire dalle sue righe fino alla fine.
Un romanzo tutto sommato lungo poco più di 400 pagine, scritto egregiamente e per niente banale, ma nello stesso tempo scorrevole e per niente noioso.
Faccio i complimenti all’autore che non conoscevo prima di questa lettura, che consiglio a tutti.

Lo trovate qui:

streetlib

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...