#recensione “L’uomo dallo sguardo ottenebrato dal nulla che non verrà” di Ottaviano Naldi

TRAMA

L’io narrante con una struttura a cattedrale dipana i momenti salienti dei suoi primi 40 anni. Lirico e moderno, di certo non è stato uno stinco di santo.
Immaginifico e surreale nelle descrizioni con la progressiva metamorfosi in mezzo lupo, che metaforicamente cerca la via d’uscita dal labirinto.
Reale nelle emozioni l’uomo nuovo ricerca la libertà, ma tutto è ciclico e gli rimarrà il suo sguardo ottenebrato in un continuo refrain.

 

“L’uomo dallo sguardo ottenebrato dal nulla che non verrà” è il terzo romanzo dello scrittore Ottaviano Naldi che leggo e recensisco, dopo Le tre mele del peccato masticato e L’attimo che precede la prima stella, tutti editi dallo stesso editore, Elison Publishing.
Conoscevo già lo stile travolgente di Ottaviano Naldi, che è caratteristico, unico, davvero particolare e l’ho ritrovato in questo suo ultimo romanzo pubblicato il 19 giugno 2019.
I suoi sono romanzi che identifico come adulti, dispotici, con un linguaggio asciutto ed esplicito, come solo questo autore sa fare bene!
Una storia che si può leggere in una giornata, il libro è di circa 120 pagine, che ad ogni pagina rimane sempre più avvincente e si lascia leggere con curiosità.
Se non vi fate impressionare da racconti senza peli sulla lingua e volete leggere un racconto originale, allora ve lo consiglio!

Lo trovate qui:

store.streetlib

 

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...