#recensione Le concubine del pianeta Gomoro di Lidia Calvano

TRAMA

Zofar, un pianeta sterile e radioattivo, dove gli uomini sono sfruttati come forza lavoro e le donne sono schiave: è questa la punizione per una stirpe che si è ribellata alla crudele conquista degli umanoidi di Alpharian.
Tra le schiave, la rossa Ester suscita l’interesse di Oroder, il soldato che la sceglie come concubina per portarla con sé sul lussureggiante Gomoro, l’harem degli alphariani. Ma cos’ha davvero di speciale Ester?
Oroder non è spietato come il suo popolo e tra lui e la concubina scoppia un’attrazione che si tramuta ben presto in un sentimento travolgente. Ester tuttavia è chiamata a una scelta: seguire le ragioni del cuore o obbedire all’appello dei suoi simili che reclamano vendetta.
Una storia intrigante e passionale, sullo sfondo di scenari apocalittici e di guerre planetarie, che non risparmia batticuori e colpi di scena sino all’ultima pagina.

Lidia Calvano scrive una storia intrigante e avventurosa
che per l’ambientazione apocalittica e il riscatto delle
sottomesse figure femminili catturerà
i lettori del Racconto dell’Ancella.  

 

Le concubine del pianeta Gomoro è il romanzo apocalittico dell’autrice Lidia Calvano, pubblicato dalla casa editrice Emma Books, per la collana Shadow, uscito in tutte le librerie digitali venerdì 11 ottobre.
Questa è la nuova edizione, rivista e rivisitata dall’autrice della novella pubblicata in digitale nel 2015 con il titolo Le concubine del pianeta Zofar.
Una storia semplice e molto scorrevole da leggere, un racconto di ottanta pagine circa che lascia una bella sensazione durante la lettura.
Un romanzo per chi ama i fantasy apocalittici, ma non pensate di non trovare del romance, anzi!
L’amore, la sensualità e la passione forte e pura la fanno da padroni, anche con uno sfondo di odio, ingiustizia e vessazione.
Ottima uscita per Lidia Calvano e per la casa editrice Emma Book, che non perde mai una nuova promettente scoperta!

Lo trovate su Amazon

 

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...